Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo tutte le nuove offerte di lavoro
E' gratis e ti consentirà di candidarti tra i primi
Iscriviti alla newsletter per ricevere le offerte di lavoro e Candidarti subito. E' gratuita.
Privacy e Termini di Utilizzo
1 Milione di fan ci Preferisce
bando tirocini giudiziari corte cassazione La Corte di Cassazione ha pubblicato il bando per 60 tirocini giudiziari. 18 mesi di tirocinio per affiancare i magistrati nelle varie fasi dell’udienza: è questa la nuova opportunità di lavoro per i giovani laureati in giurisprudenza che vogliono acquisire il titolo per accedere al concorso in magistratura. 

.



guaonl

Si tratta del secondo bando pubblicato dopo l’introduzione dei tirocini con il Decreto del Fare; la prima ondata però non ha avuto molto successo, visto che molti tirocinanti si sono lamentati per non aver percepito alcun compenso per il lavoro svolto.

D’altronde per i tirocini giudiziari non è previsto uno stipendio, ma una semplice borsa di studio assegnata in base al reddito. Una volta finite le risorse, quindi, c’è il rischio di non ricevere nulla - per quanto riguarda l’aspetto economico - da questa esperienza, che comunque è molto importante perché arricchisce notevolmente il Curriculum Vitae del giovane laureato.

Chi invierà la domanda per partecipare ai 60 tirocini banditi dalla Corte di Cassazione, quindi, sarà spinto da motivazioni che vanno ben oltre il lato economico; i vantaggi di partecipare a questa esperienza, infatti, sono notevoli.

Requisiti

Come indicato nel bando di concorso, possono inviare la domanda i laureati in giurisprudenza da massimo 4 anni. Per inviare la domanda il voto di laurea non deve essere inferiore a 105. In caso contrario al candidato basterà avere una media complessiva pari ad almeno 27/30 nei seguenti esami:

  • diritto costituzionale;
  • diritto privato; diritto processuale civile;
  • diritto commerciale;
  • diritto penale;
  • diritto processuale penale;
  • diritto del lavoro e diritto amministrativo.

Inoltre, l’aspirante tirocinante deve avere meno di 30 anni - al momento della compilazione della domanda - e non deve aver riportato condanne per delitti non colposi o a pena detentiva per contravvenzioni. Infine, nel bando della Cassazione viene specificato che non sarà ammessa la domanda di chi ha interrotto - per qualsiasi motivo - un tirocinio presso un altro ufficio.

Naturalmente le domande inviate saranno molte di più rispetto ai posti disponibili; per decidere chi avrà accesso al tirocinio, quindi, verrà stilata una graduatoria dando la preferenza alla media degli esami indicati, al punteggio di laurea e minore età anagrafica. Avranno poi la precedenza gli idonei al concorso della Cassazione del 2016, e coloro che hanno seguito dei corsi di perfezionamento in materie giuridiche dopo la laurea.

Vantaggi del tirocinio in Cassazione

Il tirocinio giudiziario ha una durata di 18 mesi e avrà inizio dal 25 ottobre 2017 al 24 aprile 2019. Come anticipato, non si tratta di un rapporto di lavoro ed è per questo che ai tirocinanti non è riconosciuto una stipendio ma una sola borsa di studio a titolo di rimborso spese con importo non superiore ai 400 euro.

La borsa di studio viene riconosciuta nel massimo delle risorse stanziate; non tutti quindi ne avranno diritto, ma solo coloro che si trovano nelle posizioni utili della graduatoria nazionale determinata dai livelli reddituali.

Anche se dal punto di vista economico non è vantaggioso iscriversi al concorso come tirocinanti in Cassazione, lo è per l’aspetto professionale. I vantaggi per la carriera del giovane tirocinante, infatti, sono diversi:

  • il tirocinio vale come titolo per l’accesso al concorso in magistratura;
  • equivale ad un anno di pratica forense o notarile;
  • è riconosciuto come un anno di frequenza nelle SSPL;
  • è un titolo di preferenza per la nomina a giudice onorario o a vice procuratore onorario, ma anche nei concorsi indetti dall’amministrazione della giustizia o dall’Avvocatura dello Stato.

Senza dimenticare le competenze che il candidato acquisirà nel corso dello stage, durante il quale dovrà dare supporto ai singoli magistrati formatori nelle attività di preparazione, di svolgimento e successive all’udienza. Il tirocinante da parte sua ha il dovere di garantire una presenza di almeno 2 giorni a settimana e durante il tirocinio non potrà compiere attività professionali di fronte alla Corte di Cassazione.

Domanda e scadenza

La domanda va inviata entro il 15 settembre 2017 (ore 14:00) all’Ufficio del Segretariato Generale della Corte di Cassazione. Alla domanda va allegata la documentazione comprovante il possesso dei requisiti indicati dal bando, più un documento d’identità. Non è obbligatorio presentare la domanda di persona; infatti è sufficiente inviare una mail all’indirizzo tirocini.cassazione[at]giustizia.it.

ALLEGATI
Bando
Domanda
Vuoi Candidarti tra i primi? Inserisci ora la tua mail e rilassati:
 

© Copyright Lavoro e Concorsi - E' vietata qualsiasi forma di riproduzione dei contenuti

Sei stanco di controllare spesso il sito?
Rilassati, da oggi in poi ti aggiorniamo noi, è Gratis!


Inserisci la tua mail e ti invieremo

tutte le nuove offerte di lavoro! 


Seguici anche tu, i tuoi amici e 1.700.000 fan hanno inserito
la loro mail per non perdersi le news e Candidarsi tra i primi