Concorso MIMIT Assistenti 2023È stato indetto il bando di concorso MIMIT 2023 per 338 assistenti. Il nuovo concorso pubblico del Ministero delle Imprese e del Made in Italy prevede assunzioni a tempo indeterminato. I profili professionali sono attinenti a vari ambiti: amministrativi, contabili, informatici e tecnici. I vincitori saranno assunti o presso la sede centrale di Roma oppure presso sedi territoriali situate in quasi tutta Italia, dal nord al sud.

 

POSTI DISPONIBILI CONCORSO MIMIT 2023

Il concorso 2023 per 338 assistenti indetto per il tramite della Commissione RIPAM prevede assunzioni a tempo indeterminato e pieno presso il MIMIT. I posti vacanti sono suddivisi in diverse famiglie professionali, che indichiamo di seguito, insieme ai titoli di studio specifici di ciascun profilo e la suddivisione dei posti tra le sedi.

  • n. 90 ASSISTENTE AMMINISTRATIVO (Codice 01)
    Titolo di studio: diploma di istruzione secondaria di secondo grado conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto.
  • n. 90 ASSISTENTE AMMINISTRATIVO CONTABILE (Codice 02)
    Titolo di studio: diploma di istruzione secondaria di secondo grado conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto.
  • n. 60 ASSISTENTE TECNICO DELLE TELECOMUNICAZIONI (Codice 03)
    Titolo di studio: diploma di istruzione secondaria di secondo grado di perito industriale in elettronica e telecomunicazioni conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto o per i soli candidati che non siano in possesso del diploma ivi indicato, titolo di studio superiore considerato assorbente appartenente alle seguenti classi:
    – laurea (L) : L-8 Ingegneria dell’Informazione o titoli equiparati secondo la normativa vigente;

    – laurea magistrale (LM): LM-26 Ingegneria della sicurezza, LM-27 Ingegneria delle telecomunicazioni o titoli equiparati secondo la normativa vigente.


  • n. ASSISTENTE INFORMATICO (Codice 04)
    Titolo di studio: diploma di istruzione secondaria di secondo grado di Istituto Tecnico – indirizzo informatico conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto o per i soli candidati che non siano in possesso del diploma ivi indicato, titolo di studio superiore considerato assorbente appartenente alle seguenti classi:
    – laurea (L): L-8 Ingegneria dell’informazione, L-31 Scienze e tecnologie informatiche o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
    – laurea magistrale (LM): LM-18 Informatica, LM-66 Sicurezza informatica, LM-32 Ingegneria informatica o titoli equiparati.
  • n. 38 ASSISTENTE TECNICO (Codice 05).
    Titolo di studio: diploma di istruzione secondaria di secondo grado di Istituto tecnico per geometra, perito tecnico e perito edile conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto o per i soli candidati che non siano in possesso del diploma ivi indicato, titolo di studio superiore considerato assorbente appartenente alle seguenti classi:
    – laurea (L): Ingegneria (qualsiasi indirizzo) e Architettura (qualsiasi indirizzo) o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
    – laurea magistrale (LM): Ingegneria (qualsiasi indirizzo) e Architettura (qualsiasi indirizzo) o titoli equiparati secondo la normativa vigente.
  • n. 10 ASSISTENTE SPECIALIZZATO TELECOMUNICAZIONI (Codice 06).
    Titolo di studio: diploma di istruzione secondaria di secondo grado di perito industriale in elettronica e telecomunicazioni conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto o per i soli candidati che non siano in possesso del diploma ivi indicato, titolo di studio superiore considerato assorbente appartenente alle seguenti classi:
    – laurea (L): L-8 Ingegneria dell’Informazione o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
    – laurea magistrale (LM): LM-26 Ingegneria della sicurezza, LM-27 Ingegneria delle telecomunicazioni o titoli equiparati secondo la normativa vigente.
  • n. 10 ASSISTENTI TECNICI SPECIALIZZATI (Codice 07).
    Titolo di studio: diploma di istruzione secondaria di secondo grado di Istituto tecnico per geometra, perito tecnico e perito edile conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto o per i soli candidati che non siano in possesso del diploma ivi indicato, titolo di studio superiore considerato assorbente appartenente alle seguenti classi:
    – laurea (L) : Ingegneria (qualsiasi indirizzo) e Architettura (qualsiasi indirizzo) o titoli equiparati secondo la normativa vigente,
    – laurea magistrale (LM): Ingegneria (qualsiasi indirizzo) e Architettura (qualsiasi indirizzo) o titoli equiparati secondo la normativa vigente.

 

Il 30% dei posti è riservato, per ogni codice di concorso, a favore dei volontari delle Forze armate. È inoltre prevista una quota di riserva del 15% per gli operatori volontari che hanno concluso il servizio civile universale senza demerito.

SEDI DI LAVORO PER REGIONE

I posti da ricoprire interessano sia gli Uffici dell’Amministrazione Centrale, a Roma, sia i diversi Ispettorati Territoriali. Ecco la distribuzione di tutti i posti disponibili tra le regioni italiane.

  • Amministrazione Centrale Roma: 218 posti;
  • Calabria: 7 posti;
  • Campania: 8 posti;
  • Emilia Romagna: 6 posti;
  • Friuli Venezia Giulia: 6 posti;
  • Lazio: 10 posti;
  • Abruzzo: 6 posti;
  • Liguria: 6 posti;
  • Lombardia: 10 posti;
  • Marche: 7 posti;
  • Umbria: 2 posti;
  • Piemonte e Valle d’Aosta: 7 posti;
  • Puglia: 8 posti;
  • Basilicata: 0 posti;
  • Molise: 1 posto;
  • Sardegna: 6 posti;
  • Sicilia: 9 posti;
  • Toscana: 8 posti;
  • Trentino Alto Adige: 5 posti;
  • Veneto: 8 posti.

REQUISITI

Per candidarsi al concorso MIMIT gli aspiranti assistenti devono possedere i requisiti generali di seguito elencati:

  • cittadinanza italiana o possesso dei requisiti previsti dall’articolo 38, commi 1, 2 e 3-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165;
  • maggiore età;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • idoneità fisica allo specifico impiego cui il codice di concorso di riferisce;
  • possesso dei titoli di studio indicati in relazione ai singoli profili professionali;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, in forza di norme di settore, o licenziati per le medesime ragioni oppure per motivi disciplinari ai sensi della vigente normativa di legge e/o contrattuale, o dichiarati decaduti per aver conseguito la nomina o l’assunzione mediante la produzione di documenti falsi o viziati da nullità insanabile;
  • non aver riportato condanne penali, con sentenze passate in giudicato, per reati che costituiscono un impedimento all’assunzione presso una pubblica amministrazione;
  • possesso del titolo di studio previsto per ogni profilo professionale (si veda sopra).

PROCEDURA SELETTIVA

Ai fini dell’espletamento della procedura concorsuale, la Commissione RIPAM, ferme le competenze delle commissioni esaminatrici, si avvarrà anche di Formez PA.

La selezione dei candidati prevede il superamento delle seguenti fasi, ciascuna distinta per i codici concorso:

  • una prova scritta;
  • una prova orale;
  • valutazione dei titoli.


PROVA SCRITTA

Consisterà nella somministrazione di un test di n. 40 quesiti a risposta multipla da risolvere in 60 minuti, con un punteggio massimo attribuibile di 30 punti.


La prova sarà così articolata:

  • n. 25 quesiti volti a verificare le conoscenze afferenti alle materie specifiche di ogni profilo;
  • n. 7 quesiti finalizzati ad accertare la capacità logico-deduttiva e di ragionamento critico-verbale;
  • n. 8 quesiti situazionali relativi a problematiche organizzative e gestionali ricadenti nell’ambito degli studi sul comportamento organizzativo.


La prova si intende superata al raggiungimento della votazione minima di 21/30. Non è prevista la pubblicazione della banca dati dei quesiti prima dello svolgimento della prova.


PROVA ORALE

Sarà un colloquio interdisciplinare teso ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati nelle materie della prova scritta. Durante la prova orale saranno inoltre verificate:

  • conoscenza della lingua inglese, attraverso una conversazione che accerti le competenze linguistiche di livello almeno A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue;
  • conoscenza e dell’uso delle tecnologiche informatiche e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché delle competenze digitali.


La prova si intenderà superata al conseguimento di un punteggio minimo di 21/30.


VALUTAZIONE DEI TITOLI

Ai titoli di studio è attribuito un valore massimo complessivo di 3 punti sulla base dei seguenti criteri:

  • 0,50 punti per ogni laurea triennale con esclusione di quelle propedeutiche alla laurea specialistica o laurea magistrale di cui al punto successivo;
  • 1 punto per ogni laurea specialistica, laurea magistrale anche a ciclo unico o diploma di laurea;
  • 0,25 punti per ogni master universitario di primo livello;
  • 0,50 punti per ogni master universitario di secondo livello;
  • 0,75 punti per ogni diploma di specializzazione;
  • 1 punto per ogni dottorato di ricerca.

DOMANDA E SCADENZA

La domanda può essere presentata per ciascuno dei codici concorso. Dovrà essere inviata entro il 29 settembre 2023 esclusivamente online.

ALLEGATI
Bando e Domanda

NOVITÀ

Adesso puoi seguirci comodamente anche sui canali WhatsApp e Telegram per non lasciarti sfuggire nessuna opportunità di lavoro, concorsi o aggiornamenti su bonus statali e aiuti economici che ti spettano.

Vuoi Candidarti tra i primi? Inserisci ora la tua email e rimani sempre aggiornato: 
Privacy Policy   ACCETTO di ricevere comunicazioni promozionali.