Come diventare ricchi con le buone conoscenzeDimmi con chi vai e ti dirò quanto sei ricco. La condizione economica, confermano le ricerche, è anche una questione di buone conoscenze. Analogamente, come fa notare The Economist, l'isolamento cementa la povertà. L’integrazione sociale, dunque, non è più considerata soltanto una variabile chiave per il benessere, ma un veicolo ottimale per ridurre la povertà e orientare l'esistenza anche economica.


Innanzitutto, avere delle forti relazioni solleva da molti aspetti della deprivazione economica legati alla povertà. Gli amici e i parenti, infatti, possono formare una rete sociale che presta soldi, tutela dai rischi, si occupa dei bambini e sparge la voce su posti di lavoro disponibili.

{adselite}

La London School of Economics, per esempio, ha dimostrato che quando a un gruppo di donne del Bangladesh è stato fornito training economico e del bestiame per il sostentamento, non solo hanno iniziato a salire la scala sociale, ma la cosa ha riguardato anche i loro amici che, a un anno di distanza dall’esperimento, hanno dichiarato consumi in crescita del 20%. 

Uno studio condotto in quartieri poveri di Atlanta, inoltre, ha dimostrato che vivere in un’area economicamente depressa diminuisce di quasi il 60% la possibilità di avere amici con un’occupazione. A riprova del fatto che le proprie frequentazioni siano predittive – nel bene e nel male - dello stato economico, uno studio globale condotto dall’istituto di ricerca Gallup ha scoperto che il 30% delle persone nel quinto più povero della popolazione non avevano nessuno su cui contare in momenti di difficoltà, contro il 16% delle persone nella stessa condizione di solitudine nel quinto più ricco della popolazione.

E’ per queste ragioni che alcuni Paesi, come il Cile e il Venezuela, considerano la povertà una causa di discriminazione maggiore del sesso o dell’etnia, mentre altri, come la Germania o gli Stati Uniti, organizzano momenti di incontro fra anziani soli e giovani provenienti da contesti disagiati.

In Germania, per esempio, sono stati promossi centri multi-generazionali dove gli anziani possono ricevere lezioni di computer dai più giovani. La speranza è che questi contatti possano aiutare i giovani a entrare nel mondo del lavoro: nei quartieri più poveri, tre quarti delle persone che hanno trovato un impiego lo devono al passaparola con i loro amici. 


NOVITÀ

Adesso puoi seguirci comodamente anche sui canali WhatsApp e Telegram per non lasciarti sfuggire nessuna opportunità di lavoro, concorsi pubblici e aggiornamenti su bonus statali, incentivi 2024 e aiuti economici.

Vuoi Candidarti tra i primi? Inserisci ora la tua email e rimani sempre aggiornato: 
Privacy Policy   ACCETTO di ricevere comunicazioni promozionali.
Vietata qualsiasi forma di riproduzione - P.iva 0I564760880